Stroppa: “Il gol subìto ci ha svegliati. A Venezia per vincere”

Stroppa: “Il gol subìto ci ha svegliati. A Venezia per vincere”


Nel dopo-partita Stroppa ha parlato con la stampa. Queste le sue dichiarazioni.

LA PARTITA – “Ci abbiamo messo un po’ a entrare in partita, il turno di riposo non ci aveva permesso di mantenere il ritmo. Dopo il gol della Cremonese ci siamo svegliati e avremmo potuto fare anche più di 3 gol; in ogni caso è un buon risultato anche per la classifica, per la conquista della Supercoppa. Al di là della bravura della Cremonese, credo che abbiamo sbagliato nell’approccio mentale alla partita; nella ripresa il gol della Cremonese ci ha svegliati e siamo stati bravi a riaccendere la sfida. Non ho capito il perché delle provocazioni ricevute in campo, è importante non aver reagito.”

I SINGOLI – “Oggi Mazzeo ha dimostrato ancora una volta di essere un elemento imprescindibile per questa squadra. Deli non ha giocato dall’inizio perché era reduce da un infortunio. Chiricò poteva essere un’arma importante a partita in corso. Sia Gerbo che Figliomeni stanno lavorando molto bene, volevo farli giocare.Chi rimarrà l’anno prossimo? Non lo so, di sicuro abbiamo un bell’impianto.”

LA SFIDA A VENEZIA – “Sabato a Venezia alle 16,30 potremmo avere un avversario in più: il caldo. Il Venezia ha vinto un girone difficile, queste sfide sono belle perché si affrontano squadre che hanno giocato in campionati diversi. Non andremo a Venezia per pareggiare, l’obiettivo è sempre vincere. Una sfida personale con Inzaghi? No, non credo.”

LA PROSSIMA STAGIONE – “Il mio contratto per l’anno prossimo è già pronto. La sede del ritiro è già stata scelta, sarà Castel di Sangro.”



Biografia Autore

Ruggiero Alborea

Nato a Foggia nel 1983, laureato al Politecnico di Bari, segue il calcio sin da piccolo. Cresciuto con il mito del Foggia di Zeman e la passione per il giornalismo ereditata dal nonno Giovanni Spinelli, storico cronista de “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Ama raccontare le storie del calcio perché, in fondo, quelli non sono solo 22 uomini in mutande che corrono dietro ad un pallone. Collaboratore del “Giornale di Sicilia” e “Sestarete”, è nella squadra di Foggiasport24 dal 2013.

Potrebbero interessarti