Stroppa: “Occorre affrontare il Monopoli con il piglio giusto. La vetta? Noi non ci sentiamo primi”

Stroppa: “Occorre affrontare il Monopoli con il piglio giusto. La vetta? Noi non ci sentiamo primi”


Conferenza stampa di Giovanni Stroppa in vista della trasferta di Monopoli (lunedì ore 20,45). “Partita difficile”, ha esordito il tecnico rossonero, “contro una formazione che ha fatto risultati importanti ma che ora sta vivendo un periodo negativo. Una squadra in difficoltà si può riprendere solo se ha qualità e il Monopoli le ha. Loro avranno determinazione e voglia di rivalsa.

Con Bucaro ci conosciamo, so che lui conosce bene il Foggia e avrà un vantaggio nell’averci studiato. Se il Monopoli cambierà sistema ci adatteremo nel corso della partita, loro hanno ottime caratteristiche tecniche e fisiche. Hanno elementi importanti, Montini è uno di questi, giocatori di gamba che possono mettere in difficoltà chiunque.”

Come affrontare il match? Questo lo Stroppa pensiero: “Occorre affrontare il Monopoli con il piglio giusto, approcciando bene e avendo capacità di adattarci per tirare fuori le nostre qualità. E se l’avversario avrà la forza di costringerci a difendere, dovremo saper soffrire. La affronteremo come tutte le partite esterne, il terreno di Monopoli sembra migliore di quello di Agrigento e potremo giocare. Chiaramente in casa siamo avvantaggiati perché conosciamo il manto erboso dello Zaccheria e la manovra scorre fluida.”

Il diktat è: non ripetere Taranto. “La preparazione sta andando bene, i ragazzi si allenano con ottimo ritmo: c’è la giusta atmosfera. Taranto può essere un riferimento, dobbiamo farne tesoro, ma in realtà anche la vigilia di Taranto era stata buona.” Non convocati Angelo ed Empereur (“Ha avuto una distorsione alla caviglia la settimana scorsa, si è fermato e la sua condizione ne ha risentito”, ha detto il mister dei satanelli), squalificato Vacca (“Al suo posto giocherà Agazzi”), ci sarà un ballottaggio Agnelli-Gerbo, con Sicurella (che per Stroppa “sta facendo bene”) come terzo incomodo, per la maglia di mezzala destra.

Il Foggia è di nuovo in testa alla classifica, ecco le considerazione del tecnico lodigiano: “Noi non ci sentiamo primi in classifica. Il primato si gestisce con il lavoro, con la consapevolezza di come ci siamo arrivati. Non bisogna mai fermarsi a ciò che si sta facendo, possiamo migliorare ancora tanto. Il gruppo è sempre stato coeso, la forza sta nello spogliatoio, nel feeling e nell’unità tra i giocatori. In questo momento c’è la consapevolezza del momento che stiamo vivendo. Comunque, non guardiamo la classifica: l’obiettivo è vincere tutte le partite. E lunedì ce n’è una, con tutto il rispetto per gli avversari, da vincere.”

Da vincere senza pensare al Lecce (che arriverà allo Zaccheria domenica 19): “La partita che conta è quella di lunedì, è troppo importante per pensare al Lecce”, ha chiosato Stroppa. Una battuta infine l’allenatore l’ha riservata a Luca Martinelli, che aveva avuto un periodo negativo da cui si è ripreso e che con la Juve Stabia è stato uno dei migliori in campo: “Il consiglio che gli ho dato è stato di fare le cose semplici, di giocare da 6 in pagella per poi poter avere 7 o 8. La prima caratteristica di un difensore è la concentrazione e lui ha lavorato molto su questo aspetto.”



Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti