Header ad
160×600 empty

Pesaro, Mattia Loiacono sul podio di spada!

Pesaro, Mattia Loiacono sul podio di spada!


Ottimo risultato per la scherma pugliese a Pesaro nella seconda prova nazionale di qualificazione con il terzo posto dello spadista Mattia Loiacono del Club Scherma Taranto: l’atleta jonico ha debuttato in tabellone regolando 15-10 Simone Zoccali (Roma Fencing), poi ha eliminato in sequenza Sergio Trivelli (Pompilio Genova) per 15-14, Daniel De Mola (Marchesa Torino) per 15-11, Davide Fontana (Delfino Ivrea) per 15-12 ed Andres Marcel Carrillo Ayala del Club Scherma Bari in un appassionante derby pugliese deciso solo all’ultima stoccata. In semifinale Loiacono si è arreso al cospetto del campione olimpico Matteo Tagliariol dell’Aeronautica Militare, vincitore della gara. Carrillo Ayala, settimo classificato, aveva eliminato nei primi tre assalti altrettanti avversari dell’Accademia Marchesa Torino (Simone Scarsi per 15-8, Marco Massimiliano Fois per 15-12, Amedeo Zancanella per 15-10) e, negli ottavi, Lorenzo Toracca del Cus Siena per 15-7. Quindicesimo posto per Camilo Bory Barrientos del Club Scherma Taranto che, superati Tommaso Melocchi (Piccolo Teatro Milano) per 15-14, Jacopo Rutigliano (Scherma Pro Vercelli) per 15-9 e Alessandro Gambella (Liguria Genova) con un 4-2 molto tattico, è incappato anch’egli in un Tagliariol in stato di grazia che si è imposto per 15-3; si ferma invece alle soglie del tabellone principale Samuele Di Coste delle Lame Azzurre Brindisi; in gara anche Vito Capuano, Alessio Buono e Spiridione De Martino del Club Scherma Bari, William Venza del Club Scherma Taranto e Pietro Rinaldi delle Lame Azzurre Brindisi.

Il miglior piazzamento nella sciabola è stato l’ottavo posto di Francesco Bonsanto: l’atleta delle Fiamme Oro ha superato nei trentaduesimi Nico Ferioli della Virtus Bologna per 15-7, Francesco Soprana del Petrarca Padova per 15-4 nei sedicesimi e Massimiliano Murolo dei Carabinieri per 15-14, poi stoppato sul 15-11 da Alberto Pellegrini delle Fiamme Gialle. Fermato negli ottavi Francesco D’Armiento: l’atleta foggiano delle Fiamme Gialle, dopo aver superato i primi due turni è stato sconfitto 15-8 da Gabriele Foschini del Gruppo Sportivi  Esercito ed ha chiuso all’undicesimo posto. Accedono al tabellone principale anche Davide Nicassio del Club Scherma Torino (20°) ed il giovane Ciro Tomaselli del Circolo Schermistico Dauno (22°). Sono usciti nel barrage che valeva l’accesso al tabellone principale Luca Guascito, Roberto Bonsanto, Nicola De Meo, Fabrizio Maria Scisciolo e Raffaele Minischetti; gli altri atleti pugliesi in gara erano Lorenzo Iadaresta Francesco Loporchio,  Ciro Buenza e Gaspare Lorenzo Venditti. D’Armiento e Tomaselli sono già ammessi agli Assoluti di Gorizia, unitamente a Francesco Bonsanto; Minischetti, Nicassio e Guascito in Coppa Italia. Nella sciabola femminile, causa la forzata rinuncia di Martina Criscio (già qualificata per la prova finale assoluta) – ancora alle prese con i postumi dell’infortunio occorsole in Coppa del Mondo ad Atene – le pugliesi erano due: Federica Maria Scisciolo ha centrato l’accesso al tabellone principale chiudendo al 27° posto, Roberta Annicchiarico finisce 37^. Nella spada femminile Chiara Spedicato delle Lame Azzurre Brindisi sfiora l’accesso al main draw ma si qualifica per la Coppa Italia nazionale; nei turni precedenti si erano fermate le sue compagne di squadra Mariella Gigliola e Miriana Morciano nonché Claudia Beatrice Bagnato del Club Scherma Bari. Nel fioretto maschile Francesco Pio Iandolo esce di scena nel turno che apre le porte al tabellone principale e con Andrea Annicchiarico si qualificano direttamente alla Coppa Italia; più indietro Gabriele Cangelosi, Aristide Ferrante e Marco Virgilio. Completano l’elenco Ludovica Di Mola ed Elisa Anna Lombardo, rimaste entrambe escluse dal tabellone principale di fioretto femminile.

SCHERMA PUGLIA



Biografia Autore

Potrebbero interessarti