Header ad
160×600 empty

Stroppa: “Taranto? È stato solo un episodio. Con il Matera una partita stimolante vista la classifica”

Stroppa: “Taranto? È stato solo un episodio. Con il Matera una partita stimolante vista la classifica”


Vigilia di Foggia-Matera, e come consuetudine, in conferenza stampa si è presentato Giovanni Stroppa. Si comincia da Taranto: “È stato solo un episodio, in base alla mia esperienza sono partite che possono succedere. Facciamo tesoro di quanto accaduto ma poi mettiamolo nel dimenticatoio. È stato un blackout.”

Come si riparte? “Pensando a quanto fatto sino a Taranto. Delle 25 partite giocate, 24 sono state direi esaltanti. Non avevamo mai perso dal punto di vista caratteriale e dell’approccio. Dobbiamo tenerci stretto quello che abbiamo fatto. Sono comunque tranquillo perché ho visto la squadra in settimana. Sta bene atleticamente e tecnicamente.”

Arriva il Matera, un confronto che “(…) si prepara da solo, l’atmosfera sarà bellissima, abbiamo la possibilità di ripartire. Il feeling con la città e la tifoseria è bellissimo, è un ambiente da categorie superiori. Sarà una partita importante e per le condizioni di classifica ancora più stimolante.” Uno sguardo alla compagine di Auteri: “È una formazione che gioca allo stesso modo contro chiunque, sono aggressivi davanti, hanno fisicità e non credo che contro di noi snatureranno la loro capacità di fare la partita. Non temo uomini in particolare ma la squadra. Però ha anche difetti che possono esaltare le nostre caratteristiche.”

Il Foggia ha numeri importanti ma che non significano primato: “I numeri li guarderemo alla fine”, ha detto il mister rossonero, “ogni campionato fa storia a sé e quest’anno questi numeri non bastano. Dobbiamo fare sempre attenzione, continuare a lavorare in una certa maniera e non abbassare la guardia. È fondamentale dare continuità ai risultati. Non puoi perdere a Taranto, potevi portare a casa un punto: saresti stato rammaricato ma avresti preso punti. Peraltro noi abbiamo numeri importanti, giochiamo in maniera eccellente ed io sono contento di sedere su questa panchina, perché la mia squadra è fortissima”.

Secondo Stroppa la ricetta per chiudere in testa il torneo, fermo restando che occorre comunque vincere le partite, è “(…) non perdere contro le concorrenti dirette e vincere con le piccole.” Situazione convocati: fuori solo Angelo ed Empereur. Agnelli, Rubin e Maza sono da valutare.



Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti