Header ad
160×600 empty

Con il Lecce derby sentito ma non decisivo. Il campionato è lungo e attenzione alle spalle

Con il Lecce derby sentito ma non decisivo. Il campionato è lungo e attenzione alle spalle


Cari amici tifosi del Foggia,
vi scrivo a distanza di qualche giorno dalla vittoria nel derby contro il Monopoli. Un 4-1 importante perché ha ribaltato la sconfitta di Castellammare di Stabia. Bisognava rimettersi subito in carreggiata e non era facile contro un avversario in piena forma. Il Monopoli non aveva mai perso in trasferta, non perdeva da sei turni e negli ultimi quattro aveva sempre vinto. Eppure in campo non è sembrata una partita difficile, perché il Foggia ha giocato bene.

Adesso c’è un nuovo derby, quello con il Lecce (lunedì alle 20.45). Una partita sicuramente sentita ma io ho una mia idea. Parlare di primo posto in questo momento è relativo. In questa fase del campionato si vive sull’altalena, una volta passa in testa una squadra, una volta l’altra. Ovviamente stare in testa fa bene, soprattutto al morale, ma è lunga. Lunghissima. Non conta essere in testa adesso. Conta essere in testa a Maggio.

Proprio per questo motivo se lunedì le cose non dovessero andare bene non bisogna scoraggiarsi. La sconfitta a Lecce ci sta, così come ci sta uno scivolone interno dei giallorossi. Si affronteranno due squadre che occupano con merito il primo posto, è un derby ma anche una partita come le altre, soprattutto all’undicesima giornata di campionato. Non è decisivo.

Altra cosa erano gli sconti diretti che giocai con il mio Foggia nel 1975-1976. Affrontammo il Catanzaro e il Novara nelle ultime giornate: un passo falso e addio promozione in Serie A. La tensione era altissima ma riuscimmo a pareggiare in Calabria per poi vincere 1-0 con i piemontesi brindando al salto di categoria. Dunque nessuna pressione. Nessun incontro decisivo o resa dei conti tra due squadre. Anzi, sia Foggia sia Lecce devono fare attenzione alle inseguitrici. Juve Stabia e Matera daranno fastidio fino alla fine. Il campionato è lungo quindi serve equilibrio. Poi, come dico sempre, noi siamo il Foggia, quindi…

il vostro capitano
GIANNI PIRAZZINI



Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti