6 C
Foggia
4 Dicembre 2021
Serie B

Catanzaro, Erra: “ingeneroso parlare di scarso impegno dei miei”

Una sconfitta cocente, quella subita a domicilio dal Catanzaro contro il Matera che ha fatto sprofondare le Aquile in fondo al baratro, stavolta in solitaria e al termine di una prestazione nuovamente incolore. Il neo tecnico giallorosso Alessandro Erra arriva in sala stampa rabbuiato e amareggiato, ma con l’obiettivo di cancellare al più presto questa deludente prestazione. “Sono arrivato 5 giorni fa, il mio obiettivo è quello di ottimizzare le risorse che ho a disposizione e così sarà. Di certo se oggi fosse arrivato un risultato positivo avremmo ricevuto un ottima carica di fiducia, ma non voglio assolutamente vedere gente triste, da martedì si ricomincia”.

Sulla prestazione il tecnico salernitano prova a fare una disamina lucida, ma a scombinare i piani ci ha pensato anche l’infortunio di Squillace nel corso del primo tempo: “Non abbiamo fatto male, di certo dobbiamo fare molto meglio. L’infortunio di Squillace mi ha un pò scombinato i piani e mi sono dovuto adattare, il calcio purtroppo va così”. Nella gara di oggi sono sembrati paradossalmente gli uomini più esperti a soffrire di più, è mancata proprio la carica da parte di chi dovrebbe incoraggiare e sostenere i compagni, ma secondo Erra questo è un aspetto che può avere solo un tipo di risposta. “I giovani sono più incoscienti e spregiudicati mentre gli esperti sono più pensatori quindi probabilmente gli elementi con più esperienza hanno oggi sentito di più il peso del momento di difficoltà che la squara sta attraversando”. Alessandro Erra però cerca di arrestare subito le polemiche di chi imputa alla sua squadra scarso impegno. “Mi sembra ingeneroso dire che questa squadra non si sta impegnando. Sicuramente abbiamo dei limiti, ma stiamo facendo di tutto per colmarli e dopo la prestazione di oggi dico che c’è ancora molto da lavorare”. Non tutto da buttare per Erra quanto visto oggi al “Ceravolo” contro il Matera, anche se a pesare c’è stato il gol subito dopo una prima parte di gara ben giocata. “Abbiamo sofferto in mezzo al campo perchè loro avevano una struttura fisica più imponente, ma dopo un buon inizio abbiamo subito gol e ci siamo trovati a giocare alla rincorsa contro una squadra forte e, anche se ce la siamo giocata e avendo fatto tutto il possibile, abbiamo perso”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Catania, Moriero: “A Pagani dobbiamo vincere”

La Redazione

Paganese, gran festa per la salvezza

La Redazione

Lecce, la carica di Lepore: “Dobbiamo arrivare in alto”

Domenico Carella