ON THE ROAD: I cinque sentimenti di De Zerbi

ON THE ROAD: I cinque sentimenti di De Zerbi

Teso, inquieto ma ancora una volta sincero. Alla vigilia del match contro il Melfi Roberto De Zerbi è un cocktail di emozioni contrastanti. Blocca sul nascere le domande di rito della conferenza stampa: «Inizio io». Ed ecco il primo sentimento, il dispiacere. «Mi scuso con la società e i tifosi per le prestazioni contro Paganese e Benevento. Loro ci hanno dato tutto in questo avvio di campionato e la colpa è la nostra. Tuttavia io ho ancora fiducia nella mia squadra e con il Melfi vedremo un atteggiamento diverso», ha detto con un filo di rabbia il tecnico. Già, la rabbia, questo è il secondo sentimento provato da De Zerbi che dice: «Quello che dico qui alla stampa è una cosa, quello che ho detto e dico negli spogliatoi è un’altra. Se è il caso attacco al muro i miei ragazzi». In soldoni, il ritiro di Sturno è servito a guardarsi in faccia e confrontarsi ancor prima di mettere a punto la tattica. E Aggiunge: «il ritiro l’ho voluto io per far capire che bisogna cambiare atteggiamento in campo». Poi c’è il sentimento dell’incertezza, quella che viene fuori quando si prova a capire i motivi di questo avvio shock: «Alcuni calciatori probabilmente si sono seduti sugli allori delle gare di Coppa Italia. Altri pagano le pressioni di dover vincere a tutti i costi. Poi ci sono gli infortuni che ci hanno tormentato nel mese di agosto e che solo in questi giorni ci stiamo mettendo alle spalle». Il quarto sentimento è la determinazione, ma questo non è mai mancato nella testa e nel cuore del tecnico. «Contro il Melfi voglio vedere un atteggiamento diverso. Dobbiamo aggredirli dal primo momento altrimenti saranno loro ad aggredire noi», dice con sguardo fermo, perentorio. L’ultimo sentimento è la speranza, quella che ti permette di andare avanti tra le difficoltà. «Basta una vittoria per cambiare tutto», sospira il tecnico. La vittoria bisogna andare a prendersela, ora.

METEO – Cielo coperto, vento sostenuto e clima autunnale. Questo sarà lo scenario di Foggia – Melfi. Allo Zaccheria la temperatura percepita si aggirerà attorno ai 18°C e il vento di Maestrale soffierà fino a 27 km/h. Leggerissime possibilità di pioggia.

FOGGIA – De Zerbi cambia. Nella quiete del piccolo campo di Sturno, immerso tra i castagni dell’Irpinia, il tecnico ha provato un Foggia più lineare. La novità più importante è l’avanzamento di Coletti in mediana, nel suo ruolo naturale, con l’innesto di Loiacono al centro della difesa a far coppia con Gigliotti. In attacco Viola dovrebbe partire titolare (battuta la concorrenza di Sainz-Maza) al centro del tridente. Iemmello giocherà a sinistra e Sarno sul lato opposto. Dubbio a centrocampo dove Riverola e Gerbo sgomitano per una maglia da titolare.

PROBABILE FORMAZIONE

1
Narciso
3
Agostinone
6
Gigliotti
5
Loiacono
2
Angelo
7
Gerbo
8
Coletti
4
Agnelli
11
Iemmello
9
Viola
10
Sarno

A disp.: Micale, Bencivenga, D Giosa, Di Chiara, D’Allocco, Riverola, Sicurella, Bollino, Floriano, Lodesani, Sainz-Maza
All.: Roberto De Zerbi
INDISPONIBILI: Quinto (infortunato)

MELFI – Il duo tecnico Palumbo – Delvecchio può disporre dal primo minuto degli attaccanti Masini e Tortolano oltre al centrocampista Finazzi, ultimi colpi del calciomercato estivo. Gli unici indisponibili sono gli infortunati Colella e Pino. Tra le «stelle» della formazione gialloverde ci sono il giovane centrocampista Giacomarro, l’incursore Canotto e l’ala panamense Eric Herrera, ex Lecce. Da seguire il diciannovenne argentino Lescano, punta centrale scuola Torino.

PROBABILE FORMAZIONE

Santurro
Nicolao
Cason
Di Nunzio
Annoni
Finazzi
Giacomarro
Prezioso
Canotto
Lescano
Herrera

LIVE – Foggiasport24.com aggiornerà costantemente il tabellino della partita. Al fischio finale sarà disponibile la cronaca. Nel dopo partita le interviste. Per avere direttamente sul tuo cellulare le notifiche dei gol clicca QUI e scarica la app Android di Foggiasport24.com.

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti