16 C
Foggia
17 Ottobre 2021
Foggia Calcio

Il Barletta impone lo stop al Foggia. Esplode la rabbia ultrà: 5 agenti feriti

I biancorossi s’impongono grazie a un gol segnato a metà del primo tempo da Floriano. Nel finale incidenti e lacrimogeni per gli scontri in viale Ofanto: cinque gli agenti feriti

Il Barletta espugna lo Zaccheria con un gol di Floriano e fa suo il derby contro il Foggia ma la gara rischia d’essere ricordata per fattori esterni al risultato sportivo e di passare in secondo piano per i risvolti di cronaca, caratterizzati da tafferugli, danneggiamenti e feriti tra le forze dell’ordine. L’accesa rivalità tra le due tifoserie ha reso il clima teso sin dai giorni scorsi e l’arrivo dei tifosi ospiti ha innescato già da prima del match una reazione di parte degli ultrà rossoneri che è stata a malapena sedata dagli agenti. I problemi più grossi per polizia e carabinieri si sono però avuti a fine gara, quando una frangia del tifo locale ha cercato il contatto con i supporters barlettani.

Cinque poliziotti sono rimasti feriti nel corso dei tafferugli scoppiati, una decina di supporters locali sono stati fermati. Tra gli agenti feriti vi è Ruggiero Borzacchiello, vicario della Questura di Foggia (peraltro barlettano), e Antonio Caricato, un altro dirigente. Sono stati colpiti da mattoni lanciati nel dopo-gara negli scontri di viale Ofanto, a non molta distanza dallo Zaccheria. Il clima è rimasto teso fino a tarda sera. Sono stati danneggiati dai più esagitati quattro bus degli otto che l’Ataf aveva messo a disposizione per trasportare i tifosi ospiti allo stadio: i mezzi zono finiti al centro di un agguato a fine gara e fatti oggetto di un fitto lancio di pietre e mattoni. Danneggiate anche alcune autovetture delle forze dell’ordine.

Il colpaccio degli ospiti
La gara, priva di emozioni, si è giocata su uno spartito bloccato. Il Foggia gestisce palla, il Barletta si difende con tutti gli effettivi nella propria area di rigore, pronto ad agire in contropiede. Il gol arriva proprio sugli sviluppi di una ripartenza. Sainz-Maza perde palla a centrocampo e innesca il contropiede di Legras, palla a Floriano abile a scagliare un tiro a giro sotto la traversa della porta difesa da Narciso. La partita si spegne per poi riaccendersi solo nel finale, quando Bollino, poco prima del triplice fischio, sfiora l’incrocio dei pali con un sinistro dal limite.

fonte: domenico carella – corriere del mezzogiorno

Potrebbero interessarti:

Foggia inarrestabile: 2-0 al Taranto e vetta solitaria

Ruggiero Alborea

Tuttocuoio, rinnovo per mister Alvini

La Redazione

CMNONSTOP – Ag. Kragl: “Oliver sta benissimo, ha scelto Foggia per…”

La Redazione