16 C
Foggia
17 Ottobre 2021
Serie B

Ischia, le verità di Celentano: “Di Bello in malafede. Me ne sono andato perchè non condividevo i suoi progetti. Nessun problema economico…”

L’ex presidente dell’Ischia, nonchè dirigente del Napoli ai tempi di un certo Diego Armando Maradona, ovvero Dino Celentano ha raccontato nei dettagli i motivi del suo addio al club isolano. Queste le parole rilasciate ai colleghi di TeleIschia: “Mi sono dimesso dall’Ischia per motivi personali. Il signor Di Bello ha rilasciato dichiarazioni inopportune e fuori luogo e dovrebbe fare maggiormente attenzione quando parla. Dovrebbe sicuramente informarsi meglio. Me ne sono andato perchè non condivido la loro politica societaria. Il problema dell’Ischia è che non si capisce chi comandava e ciò ha creato confusione. Quando è salito al timone Di Bello, ho preferito lasciare. Non ho intenzione di buttare soldi in una squadra amministrata da lui. Da parte mia non avrei alcun problema economico ad aiutare la società per rinforzarsi. Sarò io il limitato, ma non riesco a parte di calcio con Viky Di Bello. Quella di lasciare la società è stata una scelta definitiva. Io non volevo comandare, ma semplicemente organizzare la società suddividendo bene i compiti dirigenziali fra i vari soci. Ciò non è stato possibile. Crisano è stato uno dei dirigenti che ha costruito l’Ischia vincente degli ultimi anni. Il suo operato è stato positivo, poi come tutti può aver commeso degli errori ma in generale il suo contributo è stato comunque importante. Sono critiche esagerate e fuori luogo da parte di chi come Di Bello l’anno scorso non faceva neppure parte della società. Probabilmente a qualcuno avranno dato fastidio le parole di elogio rivolte dagli addetti ai lavori nei miei confronti. Detto questo non intendo nè polemizzare nè continuare a parlare di questi argomenti. Non amo queste cose. La mia avventura ad Ischia si è conclusa e non intendo più continuare a discutere delle vicende del club. Non sopporto le falsità e chi si comporta in malafede. Ho scelto di parlare solo per tutelare la mia immagine, onde evitare danni nel mondo del lavoro a causa di parole avventate e precipitose da parte di qualcuno. Sono un imprenditore solido nel ramo commerciale, dove lo possono testimoniare le mie attività imprenditoriali. Se ho lasciato Ischia non è certamente per aspetti finanziari…”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Ischia, isolani in C1 dopo 16 anni

La Redazione

Messina, pres Stracuzzi: “Niente cessione al momento: non possiamo perdere mezzo milione di euro”

La Redazione

Lega Pro a 60, il 20% sono ripescate

La Redazione