10.5 C
Foggia
27 Novembre 2021
Serie B

Pres. Poggibonsi: “Retrocessione? Tanti motivi. In D non ci sarò”

Il Poggibonsi non è riuscito a rimanere in Lega Pro. Il verdetto del campo ha detto che la squadra toscana è arrivata terzultima, anche se c’è una speranza di ripescaggio. Abbiamo contattato il presidente Antonello Pianigiani.
“Quando una società retrocede qualche problema vuol dire che c’è stato. Prima di tutto economico, ci siamo presentati ai nastri di partenza senza sponsorizzazione, credo che siamo stati fra le poche del nostro girone. Questo non per colpa del territorio ma della crisi che ha colto tutto. Io sono andato dietro ai dettami della Lega pro, la nostra squadra è stata la più giovane di tutto il nostro girone: i giovani sono bravi ma è normale che gli manchi esperienza. Sui giovani nostri però non mi posso lamentare, anzi sono da elogiare in blocco. Le note negative sono dagli ’89 in avanti: i giocatori si scelgono a inizio stagione e nel durante si vedono se sono serviti. Io non sono particolarmente soddisfatto dei giocatori più anziani. Poi abbiamo avuto infortuni importanti come Civilleri, che si è fatto male alle 13esima di andata e non è più rientrato; nel ritorno si è fatto male anche Croce”.
Ci sono stati altri problemi?
“Nella partita di Castel Rigone siamo stati defraudati per una svista clamorosa che ha concesso il pareggio all’88’ agli avversari nonostante un fallo plateale sul nostro portiere. Quello è stato l’inizio della fine, poi è chiaro che ci abbiamo messo del nostro; anche a Chieti poteva essere una partita importante e invece all’ultimo ci è stato tolto un rigore e un gol regolare. Un’altra causa, che forse metterei in realtà al primo o secondo posto, è il problema infrastrutturale per il nostro stadio. Un presidente non può pensare di cercare le aziende per fare le balaustre per mettere a posto un impianto, il Lotti, che non è il suo; tutta la faccenda è stata umiliante. Qui ci si può rigiocare solo se mi danno le garanzie, al 110%, che è tutto a norma”.
Quali prospettive ci sono per il futuro dopo la retrocessione?
“La Serie D non è che non mi interessi, è un grande campionato, però non fa per me. Noi stiamo dietro al ripescaggio, ci possono essere delle possibilità. Vedremo il 20 quando usciranno delle norme federali cosa succederà. In caso contrario, cioè se confermata la Serie D, io Pianigiani non ci sarò”.

fonte: tuttomercatoweb

Potrebbero interessarti:

GAVORRANO: in amichevole pareggia con la Rappresentativa A.I.C.

La Redazione

CHIETI: Robertiello, “Vittoria che tutti noi dedichiamo al mister”

La Redazione

Furia Macalli: “Non si può stravolgere una classifica”

La Redazione