10 C
Foggia
19 Gennaio 2021
Blog Cuore Rossonero

Prima promozione in Quaresima

DI PEPPINO BALDASSARRE – E’ arrivata finalmente la tanto agognata immancabile vittoria, la soluzione finale. Mai promossi in Quaresima, mai promossi prima del 6 aprile, guarda caso proprio a quota 50, da noi indicata ad inizio campionato. Complimenti al FOGGIA! Anzi al FOGGIA CALCIO A.C. già A.C.D.! In venti mesi due serie recuperate! In meno di due anni nuovamente in terza serie, mantenuta sul campo e persa a tavolino per colpa di chi lasciò il FOGGIA in mezzo ad una strada ma i tifosi rossoneri non lo hanno dimenticato ed il primo pensiero è stato quello di srotolare uno striscione in suo….onore a promozione appena avvenuta. Complimenti ai pochi tifosi presenti che, correttamente e civilmente, non hanno invaso il rettangolo verde permettendo alla squadra, ai tecnici ed alla dirigenza di festeggiare. Voi direte sono i calciatori i protagonisti. E’ vero, verissimo, ma proprio in questo caso vi è l’eccezione che conferma la regola. I dirigenti sono stati straordinari non nel fare le fidejussioni, sarebbe come dire bravo ad un padre che dà da mangiare alla prole compiendo semplicemente il proprio dovere, bensì nell’essere lungimiranti nel chiedere il ripescaggio a rischio e pericolo di retrocessione in D in un campionato che di retrocessioni ne prevede ben nove! Allora abbiamo il dovere di ringraziarli. Una rete, una parata si compiono in un secondo, una decisione ponderata e sofferta la si prende dopo aver riflettuto a lungo, vagliato i pro e i contro. Oggi la Storia dà loro ragione e gloria imperitura! Altro motivo del successo è stato l’aver conservato lo zoccolo duro di questa squadra rinforzata da Cavallaro e Narciso.

Ora che è stata fatta l’Italia, bisogna fare gli Italiani si disse 153 anni fa; oggi che siamo in C Unica, dobbiamo metter su una squadra in grado di metter sotto di sè almeno sette squadre su venti. Non è facile per una neopromossa ma è meno difficile rispetto alle tre che dalla B salgono in A e non riescono a competere con gli squadroni. Qui il FOGGIA si ritroverà in compagnia di altre neopromosse, comprese le tre che saliranno dalla D e di altre non retrocesse che, deliberatamente, hanno scelto le ultime posizioni in classifica ma che potranno contare sui risparmi di un anno di costi di gestione e degli introiti per il minutaggio giovani.

Il campionato non è finito va onorato, ma forse peggio dell’Arzanese sarebbe stato solo il Messina. Il FOGGIA avrà il vantaggio della tranquillità, ma i campani scenderanno in campo agguerriti. Col Poggibonsi il fato ha voluto che segnasse Giglio la rete della promozione. Ben 31 le sue marcature in due campionati, come Rambaudi è al quindicesimo posto dei cannonieri rossoneri di sempre a sole due lunghezze dal grande Saltutti. Giglio oggi raccoglie il premio dei suoi sacrifici, pur di venire a FOGGIA è spontaneamente retrocesso in D con un numero di reti già in tripla cifra, in due anni ha aggiunto un terzo di segnature al suo già ricco bottino. Fosse stato rigorista impeccabile avrebbe mietuto maggior allori. Ma a proposito di rigoristi possiamo mai dimenticarci di Cavallaro? E’ stato il gemello di Giglio, in due hanno segnato 25 reti, non è il primato, visto che per la C2 nel 2002/03 Del Core e De Zerbi ne misero a segno 30 mentre in C1 Sau ed Insigne ne segnarono 39 nel 2010/11, in B 90/91 Baiano e Rambaudi totalizzarono 37 reti senza dimenticare il 62/63 con Nocera ed Oltramari a quota 31. Il primato in serie A è di Baiano e Signori con 27 reti segnate nel 91/92, quello irripetibile e megagalattico risale al 31/32 quando Marchionneschi e Pavanello misero a segno insieme ben 61 reti!

In conclusione sarà stata la promozione meno festeggiata della Storia ma il suo valore è inestimabile perchè in 20 mesi siamo di nuovo là dove fummo. Vorremmo dire speriamo sia un punto di partenza ma la realtà ci impone di sperare che qualcuno aiuti Lo Campo a continuare a vincere!

Potrebbero interessarti:

Pirazzini: Spettacolo Foggia Calcio, ma ora non sottovalutare gli avversari

Domenico Carella

Baldassarre: Vittoria scacciacrisi? Vedremo. Salvi superlativo

La Redazione

Momenti di… “DORIA”

La Redazione