Futsal femminile, la Fovea si qualifica alle Finali di Coppa Puglia

Futsal femminile, la Fovea si qualifica alle Finali di Coppa Puglia

 

Ribaltato il 3-1 dell´andata. Don Tonino Bello eliminata. Finale con polemiche.

Le ragazze di mister Catanese si impongono 8-4 sulla Don Tonino Bello Molfetta al termine di un match vibrante ed in bilico sino alle ultime battute. Le rossonere centrano così l´obiettivo Final Four in compagnia di Modugno, Martina e Stone Five Martina. Per passare il turno – all´andata si imposero le baresi 3-1 – bisognava vincere con almeno tre gol di differenza. Le prime fasi del match sono tutte di marca rossonera. De Lio al 10° coglie il palo a portiere battuto, un minuto dopo arriva il vantaggio con Chiara Russo. Un rimpallo sfortunato, quattro minuti dopo, permette al Don Tonino Bello di ritrovare il pari con Pati. La Fovea non riesce a capitalizzare diverse buone occasioni, le ragazze di coach Minervini invece sono spietate e passano in vantaggio con Annese al 20°. Allo scadere della prima frazione di gara il 2-2 di Di Iasio. Nel secondo tempo servirà l´impresa.

Nonostante i buoni propositi e tante occasioni sciupate dalle foggiane, sarà ancora la Don Tonino a segnare. Punizione ‘inventata´ dal direttore di gara: Pati ne approfitta e firma il 3-2. De Lio al 7´ riporta le sue in carreggiata ma ancora su punizione il vantaggio ospite: Annese al 10´ fissa il punteggio sul 4-3. Le poche occasioni concesse al Molfetta vengono tutte capitalizzate. Fovea sfortunata, l´impresa si fa ardua. A completare l´opera il direttore di gara che decide sistematicamente di non fischiare i falli subiti dalle rossonere, generando così nervosismo e polemiche. Quando tutto sembra ormai compromesso, bomber Pasquariello riporta il parziale sul 4-4: mancano 12´ alla fine e bisogna segnare altri tre gol. Di Iasio riapre definitivamente i conti al 23°: è il gol del 5-4 che ridà speranza alle rossonere. Qui l´episodio che stravolge tutto. De Lio si affretta a recuperar palla, Agostinacchio la ostacola: le due vengano a contatto. Nel parapiglia generale la numero 12 ospite riceve un colpo in testa. Attimi di paura; sarà necessario l´intervento dell´ambulanza. Match sospeso per oltre 20 minuti, De Lio espulsa. Anna Agostinacchio sarà poi ricoverata presso l´Ospedale di Foggia, e successivamente dimessa dopo l´esito favorevole della Tac. Il match ricomincia in un clima poco disteso. La Don Tonino Bello non sfrutta l´elemento in più ma addirittura subisce la rete di Russo: è il 6-4, Fovea ad un passo dalla qualificazione. Pasquariello al 29° segna il gol vittoria, il 7-4 permette alle rossonere di accedere alle semifinali. Nelle ultimissime battute arriva il definitivo 8-4 di Nardella.

A fine gara il pensiero di Corrado Minervini, mister del Don Tonino Bello: “Il gol del 5-4 che ha riaperto la partita e causato poi l´infortunio del nostro portiere è scaturito da una vistosa trattenuta non fischiata dall´arbitro, il quale subito dopo ha ammesso l´errore. Da quel momento siamo calati psicologicamente. L´arbitro ci ha messo tanto del suo, poi abbiamo preso gol in superiorità numerica. La perdita del portiere titolare ci ha messo paura. Il risultato finale non lo ritengo giusto, assolutamente. La Fovea ha senz´altro meritato la vittoria, ma in questo modo non va bene. Si possono vincere partite giocando bene o male, ma non con i calci in faccia. Io accetto la sconfitta perché le partite finiscono quando l´arbitro fischia, però dispiace uscire in questo modo. Avrei preferito perdere diversamente. Sul campo non mi sento di essere uscito sconfitto”.

La replica di mister Michele Catanese: ”Loro hanno accusato psicologicamente l´infortunio del portiere, ma questo non deve sminuire la prova delle mie ragazze. Siamo riusciti a segnare in inferiorità numerica, a dimostrazione di quanto ci tenessero alla vittoria. Nel complesso la fortuna non ci ha aiutati: all´andata il gol inesistente segnato direttamente da fallo laterale, quest´oggi altre occasioni assurde come il gol su punizione, su un fallo che in realtà era a nostro favore. Abbiamo meritato di vincere, la reazione di tutte mi è piaciuta tanto. Il risultato, considerando i 120´ di gioco, penso sia giusto. Siamo stati avvantaggiati dall´uscita del loro portiere, ma sulla distanza meritavamo noi. Il gol in inferiorità mostra la grandezza di queste ragazze. Il Molfetta è una gran bella squadra, sono crollate mentalmente solo dopo l´infortunio. Speriamo che per la Agostinacchio non sia nulla di grave, questo conta di più”.

TABELLINO

FOVEA FOGGIA – DON TONINO BELLO MOLFETTA 8-4
FOVEA FOGGIA: Russo D, Nardella, Di Iasio, Piancone Morrone, Pasquariello, De Lio, Russo C, Ferramosca. All: Catanese

DON TONINO BELLO MOLFETTA: Valente, Camporeale, Pati, Annese, Depalma, Giacò, Agostinacchio, Pantaleo, Dangelico, Maino, Marino, Altamura. All: Minervini

MARCATRICI: 11´ Russo (F), 14´ Pati (M), 20´ Annese (M), 29´ Di Iasio (F) / 34´ Pati (M), 37´ De Lio (F), 40´ Annese (M), 48´ Pasquariello (F), 53´ Di Iasio (F), 55´ Russo (F), 59´ Pasquariello (F), 60´ Nardella (F)

NOTE: match sospeso per 20´, espulsa De Lio al 53´

Ufficio Stampa
FCD Fovea



Biografia Autore

Potrebbero interessarti

Leave a Reply